Supercomputer in Italia

12 Aprile 2019

Supercomputer in Italia

Il 4 aprile si è chiuso il bando per aggiudicarsi la prima macchina del progetto comunitario Euro Hpc siglato dalla Commissione e 26 paesi: un calcolatore pre-exascale.
Il 7 giugno Euro Hpc punta ad annunciare il nome del centro che si aggiudicherà il primo finanziamento per il supercomputer comunitario.
L'Italia è in corsa per il primo tassello del programma Hpc. Cineca, il consorzio interuniversitario per il calcolo automatico dell'Italia nord orientale, ha candidato Bologna a ospitare il supercomputer targato Ue.
Il supercomputer europeo potrebbe essere utilizzato per sviluppare modelli meteo a lungo termine, con cui prevenire le conseguenze del cambiamento climatico. Elaborare previsioni attendibili su come si comporterà il tempo fra anni e attrezzarsi di conseguenza è uno degli usi più attesi del supercalcolo.
A fine maggio la commissione di Euro Hpc ascolterà i progetti in corsa, prima di emettere il suo verdetto. L'obiettivo è iniziare a installare la macchina a giugno dell'anno prossimo.
Tra il 2022 e il 2023 Bruxelles vuole sprigionare le potenzialità del calcolo exascale in pieno, colmando dopo anni la distanza da Cina e Stati Uniti, che hanno monopolizzato i vertici delle classifiche mondiali dei supercomputer più potenti. Stabilito il progetto, occorre individuare i processori.
Anche Barcellona, che vanta un centro di supercalcolo all'avanguardia, corre per l'appalto.
Il bando si chiude il 15 aprile ed entro giugno i vincitori saranno nominati.

Fonti:
Wired - L'Italia è in corsa per il supercomputer europeo

Credits:
Foto di skeeze da Pixabay


Copyright © 2017 Global Informatica Srl - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
Centro Servizi "Sud Ovest", via Cremona 36, 46100 Mantova (MN) - Telefono 0376/263510 Fax 0376/268836 - P.iva 01897680201